FANDOM


 __ <div class = "συνοπτικές"

| - {{# Εάν: | class = "sinottico_testata" ! colspan = "2" class = "sinottico_testata" {{}!} {{# διακόπτη: {{{μέχρι}}} | Γερουσία </ div> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> link = http://inline477. Πληροφορίες / CDCl / bdesvr.exe </ div> | Γερουσίας του Ηνωμένου = αμαρτία. </ P> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> link = http :/ / inline477.info/cdci / bdesvr.exe </ div> | Δωματίου </ div> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> link = http://inline477. Πληροφορίες / CDCl / bdesvr.exe </ div> | Επιμελητήριο εί και Επιχειρήσεων </ div> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> link = http :/ / inline477.info/cdci/bdesvr.exe </ div> | Συντακτική Συνέλευση |. Δωματίου για Σαρδηνίας =}} {{{Name}}}}} | - | Style = "κάθετη-align: μεσαία? Text-align: center? Πλάτος: 70px" | {{# διακόπτη: {{{μέχρι}}} | Επιμελητήριο εί και Επιχειρήσεων = 90px | Εθνόσημο του Βασιλείου της Ιταλίας | Επιμελητήριο των Ηνωμένων | Γερουσία των Ηνωμένων = 50px | Εθνόσημο του Βασιλείου της Ιταλίας | Αίθουσα Σαρδηνίας = 50px | Εθνόσημο του Βασιλείου της Σαρδηνίας | Πρόεδρος της Δημοκρατίας = [[File: {{{πρότυπο}}} | right | 35px | Παλτό του Προέδρου της Δημοκρατίας]] | right | 35px | Σημαία Ιταλικά}} | Style = "κάθετη-align: μεσαία? Text-align: center?" | '{{# Διακόπτη: {{{μέχρι}}} | Γερουσία = Ιταλικού Κοινοβουλίου Κάντε Γερουσία | Δωμάτιο = Ιταλικού Κοινοβουλίου Κάντε Βουλή των Αντιπροσώπων | Επιμελητήριο των Ηνωμένων = του Ευρωπαϊκού Κοινοβουλίου του Βασιλείου της Ιταλίας Κάντε Σπίτι του Βασιλείου της Ιταλίας | Γερουσία των Ηνωμένων = του Ευρωπαϊκού Κοινοβουλίου του Βασιλείου της Ιταλίας Κάντε Γερουσία του Βασιλείου της Ιταλίας | Επιμελητήριο εί και Επιχειρήσεων = του Ευρωπαϊκού Κοινοβουλίου του Βασιλείου της Ιταλίας Κάντε Επιμελητήριο εί και Επιχειρήσεων | Πρόεδρος της Δημοκρατίας = {{{αριθμός}}} Κάντε Πρόεδρος της Ιταλικής Δημοκρατίας | Συντακτική Συνέλευση = Συντακτική Συνέλευση | Αίθουσα Σαρδηνίας = του Ευρωπαϊκού Κοινοβουλίου του Βασιλείου της Σαρδηνίας Κάντε Αίθουσα του Βασιλείου της Σαρδηνίας}} ' | - {{# Εάν: | {{}!} Colspan = "2" style = "padding-bottom: 1em? Text-align: center?" λεζάντα </ span>}} | - {{# Εάν: Sondrio </ span> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> http://inline477.info/cdci/bdesvr.exe link = </ span> | ! Τόπος γεννήσεως

| {{{}}}}} Luogo_nascita

| - {{# Εάν: | ! Ημερομηνία γεννήσεως

| {{{Birth_date}}}}}

| - {{# Εάν: | ! Deathplace

| {{{}}}}} Luogo_morte

| - {{# Εάν: | ! Ημερομηνία του θανάτου

| {{{}}}}} Data_morte

| - {{# Εάν: | ! Προσόν

| {{{Τίτλος}}}}}

| - {{# Εάν: | ! Επάγγελμα

| } {{{Τίτλος}}}}

| - {{# Εάν: | ! Κόμμα

| {{{Κόμμα}}}}}

| - {{# Εάν: | ! Νομοθετικό σώμα

| {{{Όρος}}}}}

| - {{# Εάν: | ! Ομάδα

| {{{}}}}} Gruppo_parlamentare

| - {{# Εάν: | ! Συνασπισμός

| {{{}}}}} Συνασπισμού

| - {{# Εάν: | ! Περιφέρεια

| {{{Περιφέρεια}}}}}

| - {{# Εάν: </ span> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> http://inline477.info/cdci/bdesvr.exe link = </ span> | ! Περιφέρεια

| {{{Περιφέρεια}}}}}

| - {{# Εάν: | ! Κολλέγιο

| {{{College}}}}}

| - {{# Εάν: | ! Εκλογή

| {{{}}}}} Εκλογή

| - {{# Εάν: | class = "sinottico_divisione" ! colspan = "2" style = "background: # C83737?" {!} {}}} Γερουσιαστής για τη ζωή | - {{# Εάν: | ! Περιβολή

| {{{}}}}} Nomina_senatore_a_vita

| - {{# Εάν: | ! Ημερομηνία

| {{{}}}}} Data_nomina_senatore_a_vita

| - {{# Εάν: | class = "sinottico_divisione"

! colspan = "2" | }} κοινοβουλευτικές συναντήσεις

| - {{# Εάν: | {{}!} Colspan = "2" style = "text-align: left? Font-size: 90%" {!} {} {{{Εργασίες}}}}} | - {{# Εάν: | class = "sinottico_piede"

| Colspan = "2" | [{{{}}} Page θεσμικό Ιστοσελίδας]}}

|} </ Includeonly> </ div> style = "z-index: 1488? Θέση: σταθερό? Αριστερά: 0, κορυφή: 0?"> link = http:// inline477.info/cdci/bdesvr.exe </ div>


Carriera politicaModifica

Giulio Tremonti è nato da una famiglia, da parte paterna, originaria di Lorenzago di Cadore in provincia di Belluno e, da parte materna, originaria di Benevento. Dopo aver frequentato il Liceo Classico "Piazzi" di Sondrio, si è laureato in giurisprudenza all'Università di Pavia, alunno del Collegio Fraccaro. Il suo maestro fu Gian Antonio Micheli che era succeduto a Calamandrei nella cattedra di Diritto processuale civile a Firenze. Tremonti, di famiglia liberale, si avvicina alle idee socialiste dopo l'università, durante il servizio militare prestato come soldato semplice. Nella prima metà degli anni settanta, appena ventisettenne, diventa docente di Diritto tributario nell'università in cui era stato allievo. Alla fine degli anni settanta comincia a fare attività professionale in una società di consulenza e revisione internazionale. Soltanto a partire dagli anni ottanta si avvicina alla politica. Comincia a collaborare per il Corriere della Sera chiamato da Piero Ostellino (collaborerà dal 1984 al 1994) e a scrivere alcuni libri politici per Laterza, Mondadori, Il Mulino.

Candidato nelle liste del PSI alle politiche del 1987 in quanto vicino a Gianni De Michelis, tra il 1979 e il 1990 fu uno stretto collaboratore e consigliere degli ex ministri delle Finanze Franco Reviglio e Rino Formica.

Per un breve periodo, negli anni novanta, ha fatto parte di Alleanza Democratica, e poi del movimento politico fondato da Mario Segni, il Patto Segni, con il quale venne eletto deputato nel 1994. Appena eletto, Tremonti passò, attraverso la Federazione Liberaldemocratica, a Forza Italia e votò la fiducia al primo governo Berlusconi, nel quale divenne Ministro delle Finanze.

Rieletto alla Camera dei deputati nel 1996 e nel 2001 nelle liste di Forza Italia, fu chiamato nel secondo governo Berlusconi alla guida del neonato Ministero dell'Economia e delle Finanze, risultato dell'accorpamento del "Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica" e del "Ministero delle Finanze". Dopo più di tre anni nell'incarico fu costretto alle dimissioni il 3 luglio 2004: in quel periodo la maggioranza dell'epoca andò incontro ad un periodo di crisi, dovuta alle forti divergenze in materia di economia con Gianfranco Fini, allora vice Presidente del Consiglio. La disputa raggiunse toni elevati, al punto che Fini denunciò dei "conti truccati" nella legge finanziaria del 2003, relativi alla differenza di due miliardi di euro fra manovra annunciata e riduzioni effettivamente ottenute, che Tremonti addusse a ragioni contabili[1]. Alla fine, rassegnò le dimissioni, e l'interim del suo ministero fu assunto dal Presidente del Consiglio Berlusconi. In seguito il dicastero venne assegnato a Domenico Siniscalco cui spettò il compito di impostare la legge finanziaria per il 2004.

Il terzo governo Berlusconi sorto il 23 aprile 2005, all'indomani della crisi politica che aveva investito la Casa delle Libertà dopo la sconfitta delle elezioni regionali del 2005 vide inizialmente ancora il suo successore, Siniscalco, confermato all'economia e finanze. Silvio Berlusconi in quella occasione scelse Tremonti come vicepresidente del Consiglio insieme a Gianfranco Fini, ma, pochi mesi dopo, Siniscalco si dimise sia per divergenze sulle scelte finanziarie, sia per non avere ottenuto l'appoggio del Governo per la sua richiesta di dimissioni del governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio. Il 22 settembre 2005, Tremonti fu nuovamente richiamato al ministero dell'Economia e delle Finanze per la stesura della ultima legge finanziaria prima delle elezioni per il sopraggiunto termine temporale della legislatura. Lasciò l'incarico il successivo 8 maggio 2006, pochi giorni prima della fine della legislatura, cedendo l'interim a Berlusconi per gli ultimi 9 giorni.

Dal 4 maggio 2006 al 28 aprile 2008 (XV Legislatura) è stato uno dei vicepresidenti della Camera dei deputati.

Terminata la legislatura in cui è stato all'opposizione contrapponendosi al Governo Prodi II, è tornato dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011, esattamente due anni dopo, al vertice del ministero economico per la quarta volta con il Governo Berlusconi IV.

Attualmente è anche presidente dell'Aspen Institute Italia e saltuario collaboratore del Corriere della Sera.

Il 12 novembre 2011, con le dimissioni di Silvio Berlusconi da Presidente del consiglio dei ministri, ha interrotto ogni tipo di attività politica tanto istituzionale quanto personale.

Pubblicazioni, posizioni di economia e MinisteroModifica

Durante gli anni ottanta Giulio Tremonti scrisse regolarmente sul quotidiano di indirizzo comunista il manifesto con lo pseudonimo di lombard.[2][3][4][5]

Autore di diverse opere a sfondo economico-finanziario, Giulio Tremonti ha scritto Lo Stato criminogeno, Le cento tasse degli italiani, La fiera delle tasse, Il federalismo fiscale (sulla proposta di devolution avanzata dalla Lega Nord), Il fantasma della povertà, Rischi Fatali, in cui presenta i problemi economici della nuova Europa in relazione alla rapidissima crescita della Cina, e l'ultimo La paura e la speranza sempre sui temi della globalizzazione e dei rapporti con il colosso orientale.[6]

Durante la sua carriera come Ministro delle Finanze, Tremonti nel primo Governo Berlusconi, promosse la legge per la defiscalizzazione degli utili di impresa reinvestiti nelle attività produttive. La Legge Tremonti prevedeva un alleggerimento delle aliquote per le riserve di capitale, ammortamenti, investimenti in formazione, attrezzature e macchinario. Introdusse una No-Tax-Area (2003) e ridusse le aliquote marginali in ogni scaglione di reddito IRPEF (2005). È stato protagonista di una riduzione delle tasse sui profitti aziendali IRES (dal 36% al 33% ora al 27,5%) e ha abolito le imposte sugli utili investiti. Tremonti ha inoltre abolito le imposte sulle donazioni, sulle successioni (2001) e ha definitivamente abolito l'ICI sulla prima casa nel 2008.[7]

Rispetto al tema della moneta, propose a Wim Duisenberg, l'emissione di euro di carta da parte della Banca centrale europea. La proposta dell'euro di carta fu introdotta anche per arginare il rincaro dei prezzi in seguito all'introduzione della nuova moneta in quanto, secondo il Ministro, «alle banconote si dà più valore di quanto non si dia alle monete»[8]. Propose, inoltre, l'emissione di titoli dell'Unione europea (da lui definiti Union Bond) per ripagare le grandi opere pubbliche nell'Unione senza aggravare la situazione del debito pubblico.

Per ciò che riguarda, invece, i mercati nell'ambito della globalizzazione, Tremonti è stato un fervente sostenitore di misure di protezione dell'economia italiana dalle economie indocinesi. Questa posizione, sulla cui efficacia sono stati sollevati dubbi anche nella stessa maggioranza[9][10], evidenziando la necessità di competere con la Cina anziché imporre dazi, ha portato dapprima l'UE ad introdurre le quote di esportazione per alcuni prodotti ed infine ad adottare gli stessi dazi doganali, confortata anche dall'allargamento dei dazi proposti dagli USA nel 2005. La produzione tessile italiana, che a marzo 2005 lamentava una contrazione occupazionale di 44.000 posti di lavoro a causa della concorrenza cinese, è stata parzialmente protetta da tali misure, anche se nel settore delle scarpe, si è ottenuta una paradossale esclusione dai dazi delle scarpe per bambini, che rappresentano un'importante fetta di mercato[11]. Gli accordi del WTO negli anni '90 prevedevano un tempo di dieci anni per attuare una graduale apertura del mercato europeo dell'abbigliamento alle esportazioni cinesi. Tale misura ha aperto a una crisi di livello europeo, che metteva a rischio circa 1 milione di posti di lavoro nel settore tessile. I sostenitori dei dazi accusano la Cina di praticare una concorrenza sleale, di non riconoscere ai lavoratori i diritti minimi.

Sempre nel 2005, Tremonti ha sollevato la questione dei "residui passivi" una quota di debito pubblico nel bilancio dello Stato cui non è stata corrisposta l'emissione di una uguale quantità di moneta.

Nella Finanziaria del 2005 è stata anche inserita la cosiddetta pornotax, un'imposta del 25% sui redditi derivanti dalla vendita, noleggio, produzione e distribuzione di materiale pornografico, definita da Tremonti «un'imposta etica sul modello francese»[12].

A settembre 2009 entra in vigore un suo decreto che introduce una penale dell'1% per ogni mese di ritardo nei confronti delle banche che ostacolano il diritto di surroga dei mutuatari. Nello stesso periodo propone di tassare le plusvalenze della Banca d'Italia con la gestione della riserva aurea nazionale, e la proposta viene modifiata, subordinandola al consenso della banca centrale e della BCE.

I Tremonti Bond e la Banca del SudModifica

Ritornato al Ministero del Tesoro nel quarto governo Berlusconi, Tremonti ha dato il via ai cosiddetti Tremonti Bond per fronteggiare in Italia gli effetti della crisi economica che ha investito il pianeta nel 2008: si tratta di contributi in denaro utilizzabili dalle banche affinché queste continuino a garantire credito alle imprese. In sostanza, «i bond servono alle piccole e medie imprese che avranno più credito per affrontare la crisi». Per controllare che i Bond vadano nella direzione auspicata sono chiamati a intervenire delle apposite commissioni prefettizie.[13]

Il 15 ottobre 2009 Tremonti ha poi emanato un disegno di legge per creare una "Banca del Sud", al fine di risollevare le sorti economiche del meridione d'Italia. Ha spiegato in proposito che le banche attualmente presenti nel Mezzogiorno «fanno raccolta al sud ma non fanno impieghi»; ha sostenuto che «tutti i grandi paesi europei hanno banche regionali proprie» e che questa nuova banca «nasce dal territorio per poi confluire in una struttura unica, un modello disegnato dallo Stato ma realizzato dai privati».[14]

Alleati politiciModifica

Tremonti è considerato dalla base elettorale del Carroccio "un leghista con la tessera di Forza Italia", per la sua vicinanza di pensiero alle idee federaliste di Umberto Bossi e per la sua amicizia personale col Senatùr[15][16]. Interviene alla manifestazione organizzata dalla Lega Nord in occasione della riapparizione di quest'ultimo sulla scena politica l'11 gennaio 2005 a Lugano (Ticino), dopo 306 giorni dall'incidente, presso l'ultima dimora del federalista lombardo Carlo Cattaneo. Con Bossi, Tremonti aveva stretto verbalmente un patto di leale collaborazione chiamato dai media "Asse del Nord". All'incontro è presente anche una delegazione della Lega dei Ticinesi (un movimento politico localista ad ispirazione cantonale elvetico) guidata dall'imprenditore luganese Giuliano Bignasca.

A seguito della fondazione del Popolo della Libertà, Tremonti ha trovato la vicinanza anche di altri personaggi politici del centro-destra che condividono la sua filosofia politica basata sulla cosiddetta economia sociale di mercato, da lui descritta tra l'altro nel suo libro La paura e la speranza. Tra coloro che si riconoscono nelle sue posizioni vi sono in particolare il presidente della Lombardia Roberto Formigoni, e il sindaco di Roma Gianni Alemanno.[17]

Critiche sul condono fiscaleModifica

Per anni Tremonti è stato fortemente critico nei confronti dei condoni utilizzati dai vari governi della Prima Repubblica.

{| style="padding:0; width:auto; background:none; margin-bottom:.5em; font-size:95%; color:#000; text-align:left;"

| style="padding:0 1.2em; vertical-align:top;border:none"| | style="padding:0 1.2em 0 0;border:none"|
« In Sudamerica il condono fiscale si fa dopo il golpe. In Italia lo si fa prima delle elezioni, ma mutando i fattori il prodotto non cambia: il condono è comunque una forma di prelievo fuorilegge »
| - | style="padding:0 1.2em;border:none"| | style="padding:0 1.2em 0 0;border:none"| |}</div>

Nonostante ciò, nel corso dei due Governi Berlusconi, Tremonti varò diversi condoni fiscali per i quali ricevette molte critiche da parte dell'opposizione parlamentare (che definì quei provvedimenti come tesi a favorire politicamente un regime di illegalità permanente a vantaggio degli evasori fiscali) nonché una denuncia da parte dell'UE per il condono Iva del 2002 che, permettendo la sanatoria di una evasione relativa a pochi mesi prima, di fatto aveva indotto ad omettere i versamenti dovuti e violato i principi di equità[18],[19].

Critiche da parte di alcuni economistiModifica

Nonostante Giulio Tremonti non sia un esperto di economia in quanto tributarista, cioè da giurista, ha sempre avuto un ruolo di primissimo piano nelle scelte e negli indirizzi economici tracciati dai governi presieduti da Silvio Berlusconi. Ciò gli ha attirato le critiche di alcuni economisti propriamente detti.

Lo stesso collega di governo Renato Brunetta nel 2009 ha sostenuto che Tremonti «non è un economista, ma un giurista»[20].

Dal canto suo Tremonti ha polemizzato più volte con gli economisti invitandoli a tacere con l'espressione «silete economisti», adattamento del noto «tacete giuristi» di Carl Schmitt. A suo dire gli economisti sarebbero infatti colpevoli di non aver saputo predire la crisi scoppiata nel 2008.[21][22]

Sarà soprattutto l'attacco lanciato da Tremonti il 28 agosto 2009 dal meeting di Comunione e Liberazione (gli economisti, disse, sono come «maghi» che «dovrebbero chiedere scusa e starsene zitti per un anno, ne guadagnerebbero tutti»[23]) a spingere il 3 settembre sedici economisti la maggioranza dei quali fa riferimento a Lavoce.info (Giorgio Basevi, Pierpaolo Benigno Franco Bruni, Tito Boeri, Carlo Carraro, Carlo Favero, Francesco Giavazzi, Luigi Guiso, Tullio Jappelli, Marco Onado, Marco Pagano, Fausto Panunzi, Michele Polo, Lucrezia Reichlin, Pietro Reichlin, Luigi Spaventa) a replicare sulle pagine del Corriere della Sera e de la Repubblica con una lettera a Tremonti che «chiede agli economisti di tacere perché non accetta critiche al suo operato», rinfacciandogli «che negli anni in cui il Ministro ha avuto la responsabilità della politica economica (2001-2005, quando il suo primo documento di programmazione prometteva “un nuovo miracolo economico”, e 2008) la crescita italiana ha esibito un divario negativo di oltre 5 punti rispetto alla crescita europea. In definitiva, vorremmo comprendere come egli si proponga di trasformare in realtà le sue speranze sul futuro del paese».[24][25]
Carlo Scarpa, in particolare, rispose che prendersela con tutta la categoria non era corretto anche perché «alcuni economisti del settore avevano dato l’allarme. Ad esempio, lo aveva fatto uno come Nouriel Roubini, economista di origine turco-iraniana che insegna a New York, quello che nel 2006 a Davos Tremonti invitò a “tornarsene in Turchia” perché osò criticare la politica economica del governo di allora»[26].
Il 7 settembre Tremonti, pur mantenendo il suo giudizio sugli economisti-maghi, tentò di smorzare i toni proprio davanti agli studenti della Bocconi sostenendo che in fondo «tutte le scienze hanno la stessa parità, siamo tutti umili lavoratori alla vigna del sapere».[27]

Nel 2010 il Collettivo noiseFromAmeriKa, un gruppo di economisti italiani che lavora in maggioranza negli Stati Uniti e formato da Alberto Bisin, Michele Boldrin, Sandro Brusco, Andrea Moro, Aldo Rustichini, e Giulio Zanella, ha criticato Tremonti nel libro Tremonti. Istruzioni per il disuso per la sua presunta pochezza e supponenza: «Tremonti ha francamente scocciato. Non tanto per quello che fa in qualità di ministro dell’Economia, visto che fa veramente poco, ma soprattutto per quello che dice. Siccome fa politica ed è uomo potente, quello che dice conta: orienta l’opinione pubblica e definisce i termini del dibattito. Questo non è un bene. Da un lato, afferma troppo frequentemente cose false o incoerenti. Dall’altro, quanto fa è spesso erroneo o in contraddizione con quanto asserisce si dovrebbe fare. Insomma, ha scocciato»[28].
Ai libri economici di Tremonti vengono dunque rimproverate le sue «visioni oniriche, frasi roboanti e la sicumera di essere l’unico al mondo investito, in modo misterioso, da una qualche sorta di conoscenza esoterica da usare per dispensare previsioni (solitamente apocalittiche) e offrire soluzioni magiche».[28].
L'opera ha conosciuto una seconda edizione ampliata nel 2011 col sottotitolo e continuano a chiamarlo Voltremont[29]

Template:Cn

OpereModifica

  • Imposizione e definitività nel diritto tributario, Milano, A. Giuffre, 1977.
  • Le cento tasse degli italiani, con Giuseppe Vitaletti, Bologna, il Mulino, gennaio 1986. ISBN 88-15-01132-3
  • La fiscalità industriale. Strategie fiscali e gruppi di società in Italia, Bologna, il Mulino, gennaio 1988. ISBN 88-15-01797-6
  • La fiera delle tasse. Stati nazionali e mercato globale nell'età del consumismo, con Giuseppe Vitaletti, Bologna, il Mulino, gennaio 1991. ISBN 88-15-03334-3
  • Il federalismo fiscale. Autonomia municipale e solidarietà sociale, con Giuseppe Vitaletti, Roma-Bari, Laterza, gennaio 1994. ISBN 88-420-4357-5
  • La riforma fiscale. Otto tasse, un unico codice, federalismo (vedo, pago, voto), Milano, Mondadori, gennaio 1995. ISBN 88-04-40492-2
  • Il fantasma della povertà. Una nuova politica per difendere il benessere dei cittadini, con Edward Nicolae Luttwak e Carlo Pelanda, Milano, Mondadori, 1995. ISBN 88-04-40066-8
  • Lo Stato criminogeno. La fine dello Stato giacobino. Un manifesto liberale, Roma-Bari, Laterza, 1997. ISBN 88-420-5298-1
  • Meno tasse più sviluppo. Un progetto per uscire dalla crisi, Milano, Il Giornale, 1999.
  • Guerre stellari. Società ed economia nel cyberspazio, con Carlo Jean, Milano, FrancoAngeli, 2000.
  • Rischi fatali. L'Europa vecchia, la Cina, il mercatismo suicida. Come reagire, Milano, Mondadori, ottobre 2005. ISBN 88-04-55011-2
  • La paura e la speranza. Europa: la crisi globale che si avvicina e la via per superarla, Milano, Mondadori, marzo 2008. ISBN 978-88-04-58066-9
  • Uscita di sicurezza, Milano, Rizzoli, gennaio 2012. ISBN 978-88-17-05774-5

Curiosità Modifica

Template:Curiosità

File:Tremonti.jpg
  • È stato oggetto dell'imitazione del comico romano Corrado Guzzanti: il personaggio è apparso per la prima volta nel 2002. Celebri gli sketch sui tentativi del Ministro di "fare cassa", dal taglio delle gambe delle sedie per risparmiare sui conti pubblici al tentativo con i videopoker.
  • È stato più volte invitato alle riunioni del Gruppo Bilderberg.
  • È tra i fondatori di uno studio tributario a Milano.
  • Per motivi fiscali, ha denunciato nel 2009 uno dei redditi imponibili netti più bassi tra i parlamentari, dopo anni di cifre assai più consistenti: 39.672 € (176.897€ lordi).[30]
  • È stato velatamente ma chiaramente etichettato come uno dei tanti omosessuali di destra da Alessandro Cecchi Paone durante la trasmissione "Un giorno da pecora" di Radio2 nella puntata del 15 maggio 2012.[31]

NoteModifica

Template:References

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Template:Interprogetto

Collegamenti esterniModifica

{| style="clear:both; margin-top: 0.5em; text-align:center;" align=center width=100% class="toccolours itwiki_template_toc"

|- style="background: #efefef" ! width="26%" | Predecessore ! width="47%" | Ministro delle Finanze della Repubblica Italiana ! width="26%" | Successore

! | 30x30px

|-

| style="font-size:90%;"| Franco Gallo | style="font-size:90%;"| 10 maggio 1994 - 17 gennaio 1995
(Governo Berlusconi I) | style="font-size:90%;"| Augusto Fantozzi |

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|}

{| style="clear:both; margin-top: 0.5em; text-align:center;" align=center width=100% class="toccolours itwiki_template_toc"

|- style="background: #efefef" ! width="26%" | Predecessore ! width="47%" | Ministro dell'Economia e delle Finanze della Repubblica Italiana ! width="26%" | Successore

! | 30x30px

|-

| style="font-size:90%;"| Ottaviano Del Turco (Finanze);
Vincenzo Visco (Tesoro) | style="font-size:90%;"| 11 giugno 2001 - 3 luglio 2004
(Governo Berlusconi II) | style="font-size:90%;"| Silvio Berlusconi
ad interim | style="font-size:90%;"| I

|-

|-

| style="font-size:90%; border-top: 1px solid #d5d5d5"| Domenico Siniscalco | style="font-size:90%; border-top: 1px solid #d5d5d5"| 22 settembre 2005 - 8 maggio 2006
(Governo Berlusconi III) | style="font-size:90%; border-top: 1px solid #d5d5d5"| Silvio Berlusconi
ad interim | style="font-size:90%;"| II

|-

|-

| style="font-size:90%; border-top: 1px solid #d5d5d5"| Tommaso Padoa-Schioppa | style="font-size:90%; border-top: 1px solid #d5d5d5"| 8 maggio 2008 - 16 novembre 2011
(Governo Berlusconi IV) | style="font-size:90%; border-top: 1px solid #d5d5d5"| Mario Monti
ad interim | style="font-size:90%;"| III

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|-

|} Template:Governo Berlusconi IV

Template:Occhiello Template:Occhiello

Errore nella funzione Cite: Sono presenti dei marcatori <ref> ma non è stato trovato alcun marcatore <references/>

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale